Il potere delle foto professionali

Penso che tutti conoscano il portale Airbnb, attraverso il quale si possono trovare posti letto in qualunque parte del pianeta. Ora che il servizio è consolidato, viene preso ad esempio come caso di successo da tutti i media e sopratutto è stato utilizzato da 25 milioni di persone in oltre 34 mila città nel mondo.

L’intuizione geniale l’hanno avuta nell’ottobre 2007 due studenti allora ventiseienni, Joe Gebbia e Brian Chesky, mentre discutevano su come recuperare qualche soldo per pagarsi l’affitto. Si erano appena trasferiti a San Francisco, città della Silicon Valley dove le idee si scontrano e fanno scintille in continuazione. Proprio in quei giorni ci sarebbe stata un’importante conferenza sul design e in città non si trovava un buco per dormire.

Con annunci mirati su internet, misero a disposizione una stanza del loro appartamento per chi volesse partecipare alla conferenza e, nel giro di qualche giorno arrivarono le prenotazioni di una donna di Boston, di un designer indiano e di un signore dello Utah, padre di 5 figli.

Da lì all’idea di creare una piattaforma per lo scambio e la condivisione di posti letto fu un attimo…

Ma non tutti sanno che dopo più di un anno dal lancio della piattaforma, questa magnifica idea ha rischiato seriamente di fallire. Senza eventi che giustificassero la condivisione, il servizio non era cercato e sembrava non servisse a niente.

Ma Joe e Brian, non hanno mollato e hanno passato intere serate a creare brainstorming con i membri della Community e con gli amici degli amici.

Uno dei tanti tentativi che provarono a fare, fu quello di sperimentare un servizio fotografico professionale, per cercare di valorizzare la percezione dell’appartamento.

Quello che avvenne fu straordinario… Le abitazioni fotografate, venivano prenotate due o tre volte più delle altre. Con l’aumento dei servizi fotografici le prenotazioni balzarono da 1 a 5 milioni. Il resto è storia…

Ora che conosci il segreto del successo planetario di Airbnb, pensa bene a quello che ti serve prima di mettere la tua casa sul mercato.

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *